• Viale Piave 31 - 24047 Treviglio (BG)

  • 338 1109328

FAQ

Domande frequenti

Dagli esordi della nostra attività, sono molte le domande che ci siamo sentiti rivolgere. Alcune preoccupazioni o curiosità sul mondo del tattoo o della body modification a cui vorremmo fornire una risposta disponibile a tutti.

Il tatuaggio è doloroso?
L’intensità del dolore dipende dalla zona del corpo, dall’ampiezza e dal tipo del tatuaggio e dalla sensibilità personale.

Le zone più dolore per un tatuaggio?
Le peggiori sono quelle dove lo spessore tra pelle ed osso si riduce sensibilmente: piede, caviglia, mano, costole, petto, ginocchia e gomiti.

É più doloroso il tatuaggio B/N o a colori?
Il tatuaggio a colori, necessitando più lavorazione per l’applicazione di livelli diversi di colore. Eccezion fatta per i maori e i tribali.

Qual è il costo medio di un tattoo?
Il costo medio varia in base alla complessità, la grandezza, il tipo e la quantità di inchiostri impiegati.

Quanto tempo occorre per un tatuaggio?
In base alle dimensioni ed a quanto si articola il disegno, il tatuaggio può richiedere dalla mezz’oretta per il disegno più piccolo alle più ore.

Come posso curare un tatuaggio?
La cute irritata dal trattamento del tatuaggio viene curata con l’applicazione di vasellina e coperto con una pellicola per evitare il depositarsi di sporcizia sulla ferita fresca.
Dal giorno dopo è bene idratare la cute con creme idratanti come il Bephantenol e tenere la ferita scoperta.
Nel caso per lavoro o altre attività la ferita risulti esposta a polvere e sporcizia coprire la ferita solo per il tempo strettamente necessario.
Evitare il contatto con acqua ed esposizione ai raggi UV.

È normale la screpolatura del tattoo?
Durante la guarigione è normale sia la formazione di pellicine che l’attenuarsi del colore del tattoo.

Si può essere allergici ai materiali usati per la realizzazione del tattoo?
Esiste la possibilità, molto bassa, di manifestare reazioni allergiche a inchiostri, aghi e guanti in lattiche indossati dal tatuatore.
Un centro di tatuaggi professionale somministra sempre test per scongiurare preventivamente questo tipo di complicazioni.

Si può andare incontro a malattie facendo un tatuaggio?
La sanificazione dell’ambiente operativo, la sicurezza dei materiali monouso e la sterilizzazione dei materiali prevengono questo tipo di effetti indesiderati.

Quali materiali si usano per effettuare un tatuaggio?
Utilizziamo solo materiali monouso sterili tra cui aghi, protezioni e colori certificati CE.

Quali attenzioni cautelative occorre osservare quando si effettua un tatuaggio o un piercing?
La cosa più importante da osservare è che il tatuatore apra davanti ai vostri occhi il materiale monouso impiegato per la realizzazione del tatuaggio.

Posso prendere il sole dopo aver fatto un tatuaggio?
Entro i venti giorni dall’esecuzione del tatuaggio è altamente sconsigliata l’esposizione della cute ai raggi UV.
Nell’anno seguente è consigliata l’applicazione di una protezione totale, e negli anni successivi l’applicazione di una protezione anche minima, soprattutto per evitare l’attenuarsi dei colori.

È doloroso fare un piercing?
Il dolore varia in base alla zona del corpo ed al tipo di piercing.

Quali sono le zone più dolorose per un piercing?
Le zone del corpo in cui si concentrano maggiori terminazioni nervose sono anche quelle più dolorose, come anche le zone cartilagenee come il naso, i genitali, l’orecchio.

Quanto occorre per guarire dalla ferita di un piercing?
La guarigione dipende dalla zona scelta e dal tipo di piercing.
Le fasi di guarigione riguardano la zona esterna (da 15 giorni a un mese) in cui la ferita non fa più male e non presenta rossore, mentre la cicatrizzazione interna richiede dai tre ai sei mesi per una completa cicatrizzazione.

Si può essere allergici ai materiali usati?
Sì, esiste la possibilità di essere allergici ai materiali con cui sono realizzati i piercing o alle pinze con cui vengono applicati.

Posso cambiare il piercing dopo averlo fatto?
In fase di guarigione non è possibile sostituire il piercing per non rischiare la “chiusura” della ferita o le infezioni da sostituzione.

Quando non è possibile fare un piercing?
Non tutti sono portati all’applicazione del piercing perché non tutte le conformazioni fisiche (soprattutto di alcune zone del copro) sono predisposte alla foratura.

Come si cancella un tatuaggio?
Il tatuaggio è per sua stessa natura indelebile. Il tatuaggio può essere coperto con uno nuovo, o altrimenti sottoporsi a trattamenti “laser” che però lascia evidenti cicatrici.

Allergia a guanti in lattice, aghi e inchiostri

Tattoo Lamù a Treviglio si distingue per l’attenzione estrema per l’aspetto igienico sanitario nonché per tutto quello che riguarda l’universo delle precauzioni necessarie in questo settore.

La bellezza di un tatuaggio ben fatto, presso di noi, si accompagna sempre alla grande prudenza con cui tuteliamo il cliente da possibili infezioni e problemi di irritazione della pelle. Le reazioni allergiche possono essere infatti non solo agli aghi, ma anche ad inchiostri e guanti in lattice.

Inchiostri
Statisticamente, meno dello 0,01% dei clienti manifesta reazioni allergiche agli inchiostri dai colori più accesi (il rosso in particolar modo).
Il tatuatore professionista vi inviterà a sostenere test anallergici presso strutture specializzate prima di passare all’esecuzione sulla vostra pelle.

Lattice
Per evitare contatti con il sangue, il tatuatore indossa guanti in lattice, che provocano arrossamenti sulla cute di chi entra in contatto con questo materiale.
Se siete consapevoli d questo problema, comunicatecelo al fine che si possa procedere indossando guanti di altro materiale.

Cosa fare in caso di allergia
In caso ci si rendesse conto di manifestare sintomi allergici, rivolgersi immediatamente ad un dermatologo o ad un allergologo che sapranno gestire la vostra situazione.